skip to Main Content

Doppietta dell’Italia alla Francia sulla Libia. Haftar arriva a Palermo

Doppietta Dell’Italia Alla Francia Sulla Libia. Haftar Arriva A Palermo

Il generale Khalifa Haftar arriva a sorpresa alla Conferenza Internazionale sulla Libia a Palermo e incontra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Oggi giornata clou dell’evento in Italia

Doppietta dell’Italia alla Francia sulla Libia. Il generale Khalifa Haftar è arrivato all’ultimo momento alla Conferenza internazionale di Palermo. Ciò, nonostante l’assenza di diversi capi di stato internazionali, a seguito delle quali diverse fonti internazionali dessero per certo il suo forfait. L’uomo forte della Cirenaica ha incontrato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ma ha rifiutato di prendere parte al pranzo inaugurale dell’evento. Intanto, sono già cominciati alcuni incontri con UNSMIL, la missione ONU nella nazione, e gli attori interni. Focus: le riforme economiche e della sicurezza, propedeutiche affinché si possano tenere elezioni. La giornata clou, comunque, sarà oggi con la plenaria di tutte le delegazioni e il comunicato finale, da cui si capirà se l’iniziativa è riuscita a supportare lo sblocco della situazione o meno.

La Francia ha perso due volte con l’Italia sulla Libia. Prima con la Conferenza di Parigi e le annunciate elezioni di dicembre, poi annullate. Poi, cercando di boicottare l’evento in Sicilia

L’arrivo a sorpresa di Haftar in Sicilia (il generale ama i coup de theatre) conferma la leadership dell’Italia sul paese nord africano. Inoltre, vanifica i tentativi della Francia di soffiargli il ruolo, che incassa una doppia sconfitta. La prima è con la Conferenza di Parigi. L’evento, annunciato trionfalmente come decisivo, alla fine si è dimostrato un fallimento. Le annunciate elezioni del 10 dicembre nel paese nord africano sono state rimandate all’anno prossimo (forse giugno) per diversi problemi. Primo tra tutti quello della sicurezza. L’Italia allora aveva espresso perplessità e prudenza, subendo critiche internazionali, che invece si sono rivelati esatti. La seconda è, infine, la presenza di Haftar alla Conferenza di Palermo, contro ogni aspettativa. Parigi ha ostacolato l’evento con appuntamenti nello stesso periodo. Inoltre, il presidente Emmanuel Macron non vi partecipa. Si sperava, con l’assenza di leader strategici di far fallire l’iniziativa, scoraggiando la presenza dei top player locali. Sbagliato.

Back To Top