skip to Main Content

Corea del Nord e del Sud fanno tuning sulle Olimpiadi di PyeongChang

Corea Del Nord E Del Sud Fanno Tuning Sulle Olimpiadi Di PyeongChang

La Corea del Nord ha proposto a Seul un nuovo meeting di lavoro mercoledì a Panmunjom sulla partecipazione di Pyongyang ai Giochi invernali

La Corea del Nord ha proposto oggi a quella del Sud nuovi colloqui di lavoro in settimana, legati alla partecipazione di Pyongyang alle Olimpiadi invernali di PyeongChang (9-25 febbraio). Lo ha reso noto il ministero per l’Unificazione di Seul. I rappresentanti del regime di Kom Jong-un, tra cui Hyon Song-wol – la leader della band femminile Moranbong – hanno chiesto un nuovo summit mercoledì sempre a Panmunjom. All’incontro, la nazione asiatica invierà una delegazione di 3 elementi. Questa sarà guidata da Jon Jong-su, vice presidente dell’agenzia statale per gli affari inter-coreani. A capo di quella della Corea del Sud ci sarà presumibilmente il vice ministro dell’Unificazione, Chun Hae-sung, che ha già diretto quella di oggi. I due paesi devono trovare una quadra prima del vertice con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) a Losanna, in cui saranno discussi i dettagli della presenza nord coreana ai Giochi.

Prima dell’incontro con il CIO a Losanna, le due Coree devono trovare la quadra su alcuni dettagli. Ecco quali

La Corea del Nord e quella del Sud devono trovare un accordo su una serie di questioni tecniche e logistiche legate alle Olimpiadi. Prima tra tutti quella di come arriverà la delegazione di Pyongyang a PyeongChang. Il regime di Kim Jong-un, infatti, è sotto sanzioni ONU. Tra le altre cose sono vietati i trasporti diretti via mare e aria. Di conseguenza, la delegazione potrà arrivare solo via terra. Inoltre, Seul per lo stesso motivo non può fornire finanziamenti diretti per sostenere le spese di alloggio e i trasferimenti. Perciò, bisognerà trovare un altro modo affinché queste siano coperte. Infine, c’è l’annosa questione della composizione della delegazione nord coreana. Sempre per le sanzioni, sia delle Nazioni Unite sia della Corea del Sud, c’è una lista di alti funzionari della nazione asiatica a cui è vietato espatriare. Pyongyang e Seul devono quindi trovare un’intesa sull’elenco del gruppo prima di arrivare a Losanna.

Back To Top