skip to Main Content

Allarme Nel Mar Nero sui GPS delle navi. Opera di hacker malevoli?

Allarme Nel Mar Nero Sui GPS Delle Navi. Opera Di Hacker Malevoli?

Il Mar Nero è teatro di diversi incidenti GPS

Nel Mar Nero ci sono problemi di GPS e questi forse sono opera di hacker malevoli. Lo US Coast Guard Navigation Center (NAVCEN) ha informato che 20 navi nella zona dal 22 giugno del 2017 hanno sofferto di “disruption”, cioè perdita o disturbo grave del segnale. Non vengono forniti dettagli sulla causa, ma si precisa che sono in corso indagini sugli eventi. Che peraltro non sono i primi nella zona. Tanto che lo U.S. Air Force GPS Operations Center e la Federal Aviation Administration stanno cercando di indentificare il problema e di correlarlo con altri incidenti GPS che si sono registrati nella medesima area geografica. In un documento diffuso dalla Guardia Costiera si evidenzia che a oggi i segnali potrebbero subire impatti di interferenze naturali o causate dall’uomo. Sia per una non corretta installazione o funzionamento dei sistemi sia a opera di jammer, usati per scopi malevoli.

I blocchi sono derivati da hacker o da jammer?

Alcuni esperti ritengono che quanto stia accadendo ai GPS nel Mar Nero sia opera di soggetti ben precisi, anche se non ci sono conferme in tal senso. Questi volontariamente disturbano il segnale per creare problemi alle navi in transito o per coprire altro. A proposito le ipotesi sono due: che lo facciano elettronicamente o con appositi apparecchi. Nel primo caso alcuni hacker malevoli tramite cyber attacchi confonderebbero i rivelatori, inviando loro false informazioni. Uno dei metodi più comuni è l’uso di un False Location Spoofer, capace di alterare le coordinate di posizione. È usato con successo già da un anno, in relazione ad applicazioni come Pokemon Go, basate sul GPS. Nel secondo, si tratta probabilmente di jammer o disturbatori di frequenza, che agiscono sui segnali dai satelliti.

Il sito della Guardia Costiera Usa che riporta degli incidenti nel Mar Nero

Back To Top