skip to Main Content

Africa, si aggrava la situazione della sicurezza in Burkina Faso

Africa, si aggrava la situazione della sicurezza in Burkina Faso. Ondata di manifestazioni della popolazione per la paura dell’escalation di attacchi ISGS e JNIM. Anche l’ONU è preoccupata

In Burkina Faso continuano le proteste della popolazione per chiedere più sicurezza contro ISGS e JNIM (affiliato ad al Qaeda). Dopo la prima manifestazione di una settimana fa, ne sono state organizzate almeno altre due. La prima lunedì sull’autostrada nazionale N22 a Namsiguia e l’altra a Ouagadougou. Il denominatore comune è la crescente paura per l’escalation di attacchi del terrorismo jihadista nel paese africano. Inoltre, permane la rabbia verso la Francia, accusata di aver lasciato campo aperto ai miliziani con il congelamento dell’Operazione Barkhane in Sahel. Si teme che l’offensiva del JNIM a Soum agli inizi del mese, costata la vita a 50 tra militari e poliziotti, e i radi dei gruppi pro-ISIS in diversi villaggi siano solo l’inizio. La stessa paura, peraltro, è stata espressa anche dall’Alto commissario ONU per i diritti umani, Michelle Bachelet, la quale ha sottolineato che c’è il rischio di una catastrofe umanitaria nella nazione.

Back To Top