skip to Main Content

Africa, operazione congiunta RDC/DRC-Uganda contro le ADF a North Kivu

Operazione congiunta RDC/DRC-Uganda contro le ADF a North Kivu. Obiettivo delle manovre: debilitare i jihadisti pro-ISCAP prima che la situazione della sicurezza degeneri. Soprattutto dopo gli attacchi a Kampala

La Repubblica Democratica del Congo (RDC/DRC) e l’Uganda hanno lanciato un’operazione congiunta per smantellare le rotte delle Allied Democratic Forces (ADF), affiliate a ISCAP, al confine tra i due paesi. L’area coinvolta è soprattutto il North Kivu, dove sono presenti alcune basi di addestramento e roccaforti dei jihadisti, nonché in cui operano network di facilitatori che prelevano le nuove reclute in Kenya e che le trasportano fino alla RDC dove poi vengono addestrate e assegnate alle varie unità sparse nella nazione. Le manovre congiunte sono state organizzate dopo il doppio attentato dei terroristi alle Kooky Towers a Kampala. Peraltro, secondo fonti locali, truppe ugandesi sarebbero state inviate all’interno dei confini congolesi per fungere da “tappo” in caso ci siano tentativi di fuga degli estremisti. I soldati sarebbero entrati nello Stato passando dal valico di Nobili.

I miliziani stanno espandendo le loro attività in Uganda e Repubblica Democratica del Congo, tanto che sono dovute intervenire le forze speciali Usa

L’operazione contro le ADF si è resa necessaria a seguito della veloce espansione del gruppo pro-ISCAP nella Repubblica Democratica del Congo. Non a caso, da agosto del 2021 sono cominciati a confluire nel paese africano assetti delle forze speciali USA, per fornire assistenza alle truppe locali nelle attività di counter-insurgency (COIN) e anti-terrorismo. L’Uganda, invece, è diventata il principale paese di transito delle nuove reclute, che vengono mascherate da camionisti per poter attraversare l’area. Gli attacchi a Kampala, però, sono il segnale che i jihadisti hanno intenzione di espandere la loro attività anche nella nazione. Di conseguenza, si è reso necessario intervenire per bloccare l’emergenza sicurezza prima che diventasse ingestibile. Le manovre congiunte, cominciate ufficialmente il 30 novembre, non hanno una data di scadenza.

Back To Top