skip to Main Content

Africa, malattia misteriosa nella Tanzania “Covid-19 free”

Coronavirus-israele-covid19-brothersinarms-diplomazia-ursnif-gozi-oms-who-italia-jameswt-dll-lemonduck-cryptominer-sophos-immuni-certagid-italia-cybercrime-cybersecurity-app-mobile-malware-covid19-italia-videochiamate-cybersecurity-cybercrime-sicurezza-privacy-malware-ransomware-rat-cyberespionage-spionaggio.jpeg

In Tanzania è scoppiata una malattia misteriosa, che per le sue caratteristiche sembra molto simile al Coronavirus. Il presidente Magafuli aveva recentemente dichiarato il paese africano “Covid-19 free”

C’è una malattia misteriosa, che circola nel sud ovest della Tanzania con un alto tasso di mortalità e che assomiglia in maniera preoccupante al Covid-19. Lo conferma Il Fatto Quotidiano. Ciò, pure se il presidente del paese africano, John Magufuli, ha più volte ribadito che la sua nazione è “free” dalla pandemia. Tanto che si è rifiutato di ordinare vaccini e ha consigliato ai connazionali di curarsi con rimedi a base di erbe. Non solo. Il ministero della Salute locale afferma che il morbo sconosciuto che sta colpendo l’area di Chunya presenta sintomi analoghi a quelli causati da un virus ignoto già nel 2018. Questo, come riportava il The Guardian l’anno successivo, era simile all’ebola.

Se fosse confermato che si tratta del Covid-19, si rischia di dover riscrivere la storia della pandemia, spostando gli orologi indietro di un anno

Al momento non ci sono elementi certi circa una possibile correlazione tra questa malattia misteriosa in Tanzania e il Covid-19 o l’Ebola. Di certo c’è solo che le autorità locali hanno avviato indagini e che la comunità internazionale ha chiesto accesso alle informazioni. Il governo del paese africano anche questa volta ha “nicchiato”, minimizzando il problema e promettendo che comunque aggiornerà gli organismi sovranazionali se dovessero emergere elementi di interesse. I partner stranieri, però, sono preoccupati. Anche perché se fosse confermata un’epidemia da Coronavirus, c’è la possibilità che anche nel 2018 si trattasse della stessa pandemia. E, in quel caso, bisognerebbe ripartire da capo per capire l’escursus della sua diffusione, mettendo gli orologi un anno indietro alla data ufficiale in cui sembra sia cominciata.  Oppure, potrebbe essere una nuova ondata di Ebola, ipotesi non meno preoccupante.

Back To Top