skip to Main Content

Africa, la Francia elimina 20 jihadisti al confine tra Mali, Ciad e Burkina Faso

La Francia elimina 20 jihadisti al confine tra Mali, Ciad e Burkina Faso. Parigi continua a ridurre le truppe in Sahel nell’ambito di Barkhane, l’operazione anti-ISGS, ma mantiene attiva la componente aerea

La Francia continua a ridurre le sue truppe in Sahel nell’ambito dell’operazione Barkhane, ma la sua componente aerea rimane comunque attiva. Lo confermano i raid avvenuti il 6 novembre: un drone Predator B Reaper ha avvistato un nutrito gruppo di decine di jihadisti muoversi in moto al confine tra Mali, Ciad e Burkina Faso.  Immediatamente si sono alzati in volo una coppia di Mirage M2000 e alcuni elicotteri Tiger, che hanno raggiunto la zona bombardando i terroristi. Il bilancio è stata la morte di almeno 20 di loro negli strike e la fuga degli altri. Non è chiaro se fossero elementi di ISGS o di JNIM, affiliato ad al Qaeda. E’ certo, invece, che si trattava di un grande convoglio, come ha confermato lo Stato Maggiore francese. Intanto, Parigi continua a smantellare le sue basi militari in Mali. Dopo quella di Timbuktu, anche Tessalit è stata consegnata alle forze locali.

Back To Top