Africa, il G5 Sahel avvia la prima fase del Programma Investimenti Prioritari (PIP)

Niger Terrorismo Sviluppo Africa Francia Fcg5s G5sahel Procurement Sahel AbuWalidalSahrawi Isgs Aqim Burkinafaso Aqim Bokoharam Sahel Almurabitoon Belmokhtar Usa Francia Gao G5sahel Pip Difesa Sicurezza Infrastrutture Governance Giovani Africa Fcg5s Francia Niger Burkinafaso Ciad Mali Mauritania Cina Macron Terrorismo Isis Alwaeda Bokoharam Italia Missioneitaliana Francia G5 Barkhane Usa Terrorismo Africa Esercito Folgore

Il G5 Sahel avvia la prima fase del PIP per incrementare subito la Strategia di sviluppo e sicurezza (SDS) nella regione

Il G5 Sahel ha presentato un Programma di Investimenti Prioritari (PIP) per incrementare la sua Strategia di sviluppo e sicurezza (SDS) nella regione. Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger hanno redatto un documento strutturato su 4 aree strategiche di intervento. Difesa e sicurezza, governance, resilienza e sviluppo umano, infrastrutture. A questo proposito, il PIP sarà diviso anche in varie fasi, di cui la prima 2018-2020 è legata esclusivamente a progetti a breve termine. Ciò affinché le popolazioni coinvolte possano da subito avere alternative al sostegno di criminalità e terrorismo. L’estrema povertà e la mancanza di opportunità, infatti, sono tra le cause principali per cui in molti decidono di arruolarsi in formazioni jihadiste o di entrare nei grandi conglomerati criminali, che operano lungo i confini dei 5 paesi.

Come funziona la prima fase del PIP di Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger

La prima fase del PIP del G5 Sahel prevede in tutto 60 progetti nelle 4 aree d’intervento, finanziati complessivamente con 6,247 miliardi di euro. Di questi quasi 2 miliardi sono già a disposizione, mentre gli altri dovranno arrivare prossimamente anche grazie ai numerosi impegni assunti dalla comunità internazionale.

I progetti prioritari sull’asse Difesa e Sicurezza

Sul primo asse, Difesa e Sicurezza, il G5 Sahel ha previsto 6 aree nel PIP. Il primo è supporto alla costituzione del Centro Saheliano per l’Analisi delle Minacce e l’Allerta Precoce (CSAMAP). Il secondo è implementazione del capacity building nello sminamento umanitario. Il terzo è il rafforzamento del progetto di sicurezza pubblica e civile. Il quinto è la creazione di un’Accademia di polizia regionale e il sesto, infine, di un Defense College del G5.

Le azioni nel PIP sulla Governance sono rivolte soprattutto ai giovani

Sull’asse governance Il PIP prevede quattro temi chiave. La promozione e la Protezione dei Diritti Umani (PIPPDP) nei paesi del G5 Sahel; il peacebuilding e la prevenzione dei conflitti, il supporto all’empowerment giovanile nelle aree colpite dai conflitti e in relazione alle migrazioni; progetti di iniziative integrate per i ragazzi e, infine, l’implementazione della G5 Sahel Integrated Youth Strategy. Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger hanno deciso di puntare soprattutto sui giovani, in quanto sono loro i più permeabili alla propaganda e ai miraggi offerti dalla criminalità transnazionale e dal terrorismo.

Resilienza, sviluppo umano e infrastrutture. Il G5 Sahel investe a 360 gradi: dalla Trans-saheliana alle TLC

Sulla resilienza e sviluppo umano ci sono 4 aree: rafforzare i giovani contadini nel Sahel grazie a un’agricoltura sostenibile anche in relazione al clima; aiutare le popolazioni mobili e le comunità vulnerabili dei paesi del G5 Sahel; fornire risposte educative ai bambini che si trovano fuori dai sistemi scolastici nella regione e, infine, sostenere lo sviluppo della pastorizia resiliente in Burkina Faso, Mali, Mauritania, Niger, Ciad e mauritania. Quarto e ultimo asse del PIP è quello delle infrastrutture. In questo contesto il progetto più ambizioso è quello ferroviario del G5 Sahel (La Trans-saheliana). In questa fase verrà effettuato uno studio di fattibilità sull’iniziativa. Poi si lavorerà per rafforzare le infrastrutture stradali transfrontaliere tra i 5 paesi dell’area, nonché quelle idriche ed elettriche sia nelle aree rurali sia in quelle di confine. Infine, verranno sviluppate le TLC ad ampio raggio: GSM, Internet e radio-televisive.