skip to Main Content

Africa, al-Shabaab alza nuovamente il tiro in Somalia

Al-Shabaab alza nuovamente il tiro in Somalia. Il gruppo pro-al Qaeda, escluso da Parlamento e governo, vuole vendetta. A rischio non c’è solo il paese africano, ma anche il Kenya per le elezioni del 9 agosto

Al-Shabaab torna a prendere di mira le torri delle comunicazioni al confine tra Kenya e Somalia. Lo fa distruggendone una a Rhamu (Mandera), dopo una lunga pausa dovuta sia all’incremento delle operazioni anti-terrorismo nell’area sia a una scelta precisa. Il gruppo pro-al Qaeda, infatti, dopo le elezioni che hanno riportato alla presidenza Hassan Sheikh Mohamud, aveva accarezzato l’idea di poter sedere in Parlamento e nel governo. Gli eventi, però, sono andati diversamente. Mohamud ha scelto come premier il suo delfino: Hamza Abdi Barre, parlamentare del Jubaland, che ha posizioni nettamente contrarie ad al-Shabaab e a tutto ciò che rappresenta o vuole. Di conseguenza, è molto difficile che simpatizzanti o membri del gruppo entrino a far parte dell’esecutivo o del Parlamento. Di conseguenza la formazione ha alzato nuovamente il tiro. Nel paese africano quindi i rischi per la sicurezza crescono e si ripercuotono soprattutto in Kenya, dove il 9 agosto si terranno le elezioni generali.

Back To Top