skip to Main Content

Afghanistan, raid aereo su maxi riunione di 300 talebani a Herat

Afghanistan, Raid Aereo Su Maxi Riunione Di 300 Talebani A Herat

Attacco aereo a sorpresa contro i talebani a Chest Sharif, basato su informazioni d’intelligence

In Afghanistan le forze di sicurezza hanno preso di mira una maxi riunione di talebani a Herat. Le forze aree di Kabul hanno effettuato un bombardamento nei pressi del distretto di Chest Sharif, dove era in corso un incontro con quasi 300 miliziani dell’Emirato Islamico. Le autorità provinciali hanno annunciato che l’attacco ha ucciso decine di jihadisti e ferito ancora di più. Molti altri, invece, sono fuggiti. Al momento, però, il numero esatto delle vittime non è ancora stato accertato con sicurezza. Di conseguenza, si preferisce per ora non fornire numeri. Non è stato nemmeno spiegato perché si stesse tenendo il grande meeting. Ciò che è certo è che l’azione è avvenuta a seguito di diverse segnalazioni all’intelligence del paese asiatico. Questa, dopo averle verificate, ha organizzato lo strike in coordinamento con i militari e le forze multinazionali della NATO dell’operazione Resolute Support.

In Afghanistan è in corso la raccolta della zakat e in settimana a Shindand quasi 40 membri dell’Emirato Islamico si erano uccisi tra loro in uno scontro tra fazioni

Dai talebani al momento non è giunto nessun commento sul maxi colpo subito a Herat. L’Emirato Islamico si è limitato a riportare sul suo sito internet di propaganda di aver conquistato un check point a Darzak nel distretto di Rabat Sangi. Ovviamente, affermando di aver ucciso 8 nemici e di averne feriti altri 6. Solo pochi giorni fa, però, nella provincia occidentale afghana c’è stato un grande scontro interno tra due fazioni di jihadisti rivali a Shindand. La battaglia è culminata con quasi 40 miliziani morti, appartenenti a entrambi gli schieramenti. Perciò, è presumibile che si stesse tenendo un vertice con tutti i capi locali per prevenire ulteriori incidenti di questo tipo. Soprattutto in un momento come questo, in cui nel paese è in corso la raccolta della zakat, l’offerta rituale dei musulmani. I fondi sono strategici per la sopravvivenza degli estremisti, avendo perso la maggior parte delle risorse esterne.

Back To Top