skip to Main Content

Afghanistan, in corso offensiva anti-Isis. Ucciso uno dei massimi leader

Afghanistan, In Corso Offensiva Anti-Isis. Ucciso Uno Dei Massimi Leader

A Nargarhar manovre su 2 assi per annientare Isis

In Afghanistan l’offensiva contro Isis lanciata da Kabul a Nargarhar sta già portando i suoi frutti. Le manovre sono condotte dall’esercito locale con il sostegno dei militari Usa e si muovono su due assi in direzione del distretto di Achin. Proprio in quest’area è stato eliminato uno dei comandanti Daesh più importanti nel paese asiatico. Si tratta di Syed Omar Bajawari, noto come il nome di Khetab. Lo ha confermato il ministero della Difesa afghano. Il leader è stato ucciso nel distretto insieme ad almeno altri 24 jihadisti dello Stato Islamico. Tra questi c’erano anche 3 capi di medio livello. Sempre ad Achin le forze speciali della polizia hanno eliminato nell’area di Pekha ulteriori nove miliziani nell’arco delle ultime 24 ore.

L’operazione Khalid è partita da Helmand e Kandahar, per aprirsi al resto del paese

Inoltre, in 13 province del paese è cominciata un’operazione militare contro i gruppi estremisti. Soprattutto talebani e Isis. Il suo nome in codice è Khalid ed è condotta in 16 zone precise. L’obiettivo delle manovre, che continueranno anche prossimamente, è eliminare la presenza dei jihadisti nei distretti e province afghane in cui c’è maggiore instabilità. L’offensiva è partita da due luoghi simbolo, in cui l’Emirato Islamico è particolarmente attivo. I distretti di Garamser e Nad-e-Ali a Helmand (conquistati recentemente e poi persi dai talebani) e Nesh a Kandahar. Le forze di sicurezza afghane manterranno elevata la pressione sulle tre aree, al fine di eliminare tutta la presenza dei miliziani.

L’operazione Khalid sta dando risultati. Uccisi 68 miliziani, tra cui un capo talebano e 15 membri Isis

Anche l’operazione Khalid sta portando i primi risultati. Nelle ultime ore sono stati uccisi 68 jihadisti, tra cui un comandante talebano e 15 membri di Isis in tutto il paese. Altrettanti sono stati feriti. Le manovre, supportate dall’artiglieria e dalle forze aree sono in corso a Kapisa, Nangarhar, Paktika, Ghazni, Kandahar, Uruzgan, Zabul, Farah, Faryab, Kunduz, Balkh, Sar-e-Pul, Helmand ed Herat. In quest’ultima provincia, dove è di stanza il contingente militare italiano della missione NATO Resolute Support, sono stati eliminati 7 membri dell’Emirato Islamico. I jihadisti hanno perso la vita in scontri con le forze afghane nel distretto di Shindand.

Back To Top