skip to Main Content

Ad AQAP non piacciono il wrestling e nemmeno la WWE

Ad AQAP Non Piacciono Il Wrestling E Nemmeno La WWE

Ad al Qaeda nella Penisola Arabica (AQAP) non piace il wrestling e nemmeno la WWE. Duri attacchi sui social media all’Arabia Saudita per aver ospitato il Royal Rumble

Ad al Qaeda nella Penisola Arabica (AQAP) non piace il wrestling e nemmeno la WWE. I jihadisti sui loro canali di propaganda su Internet e social media hanno attaccato l’Arabia Saudita e in particolare l’Autorità Generale per lo Sport e quella per l’Intrattenimento. La loro colpa? Diffondere il degrado morale e rigettare gli ideali islamici, si legge in una serie di post su Telegram, rimbalzati sulle altre piattaforme social. In particolare viene criticato il fatto che Jedda abbia ospitato per la prima volta nella storia il Royal Rumble della Federazione il 27 aprile scorso. L’evento, a cui hanno assistito oltre 60.000 persone, si è tenuto al King Abdullah Stadium e nell’arena hanno combattuto 50 lottatori, contro i 30 abituali. Ad AQAP, però, lo spettacolo non è piaciuto, tanto che la formazione lo ha definito un esempio di rappresentazione peccaminosa.

Photo Credits: WEE Federation

Un video di Arab News sull’evento

Back To Top