skip to Main Content

Un Trojan Bancario su Android prende di mira le banche in Giappone con gli SMS

Un Trojan Bancario Su Android Prende Di Mira Le Banche In Giappone Con Gli SMS

Un nuovo Trojan bancario per Android sta spopolando in Giappone e, via SMS, prende di mira le banche

C’è un nuovo Trojan bancario per Android, che sta spopolando in Giappone e che prende di mira le banche con gli SMS. Il testo dei messaggi è ricevuto dinamicamente da un server. Il malware è in grado di aggiornarsi attraverso la fake update notification e può bypassare il SMS 2FA. Lo ha reso noto Lukas Stefanko, ricercatore di cyber security presso ESET, sul suo profilo Twitter. Secondo le immagini che circolano su Internet, i cyber criminali puntano a far sì che la vittima scarichi il Trojan. Come esca usano false comunicazioni dalla banca, che lo invitano ad accedere al proprio conto online tramite cellulare. L’obiettivo è chiaramente rubare le credenziali di accesso al bersaglio, per poter poi sottrarre denaro ed effettuare altre operazioni fraudolente. Peraltro, la campagna di cyber attacchi è ancora in corso.

La diffusione del malware per ora è limitata al paese asiatico, ma presto potrebbe estendersi anche altrove. Italia compresa, già sotto attacco con campagne di malspam

La diffusione del Trojan bancario mediante SMS su Android, per il momento sta coinvolgendo gli utenti in Giappone. Non è escluso, però, che presto o tardi verrà estesa anche ad altre parti del mondo. Italia compresa. Soprattutto in quanto il nostro paese da giugno è preso di mira da alcuni criminali informatici con campagne di malspam, che usano diverse esche. Perciò, i possessori di smartphone Android e non devono prestare massima attenzione. Il consiglio contro questo tipo di cyber attacchi è semplice. In caso si riceva un messaggio  dalla propria banca, è meglio recarsi allo sportello o al massimo fare una telefonata per appurare che è tutto a posto prima di fare alcunché. In tutti i casi prevenire è meglio che curare e sicuramente costerà meno. Inoltre, informando l’istituto di aver ricevuto l’SMS, lo si aiuterà ad avvisare gli altri clienti e la polizia del pericolo in corso.

Back To Top