skip to Main Content

Ucraina, inviati 100 milioni di messaggi in Russia per raccontare la verità sull’invasione

Inviati 100 milioni di messaggi in Russia per raccontare la verità sull’invasione in Ucraina. L’operazione di Cyber Warfare è stata resa possibile grazie alla pagina web 1920.in, creata dalla Squad303, gruppo polacco parte della galassia di Anonymous

Sono oltre 100 milioni i messaggi che le persone di tutto il mondo hanno inviato sui telefonini dei cittadini in Russia in due mesi. Obiettivo: raccontare la verità su cosa effettivamente stia accadendo in Ucraina, bypassando la stringente censura imposta da Mosca su web e social network. Lo hanno fatto grazie alla pagina web 1920.in, creata ad hoc dal gruppo Squad303, che ha permesso di inviare messaggi SMS, WhatsApp e telefonate direttamente a cellulari della popolazione della Federazione. E’ un team internazionale di programmatori, che fa parte della galassia di Anonymous, coordinato dalla Polonia. Il nome deriva da un’unità della Royal Air Force (RAF) britannica, formato esclusivamente da polacchi, che ha combattuto nella Seconda Guerra Mondiale. Anche il nome della pagina ha un significato preciso: commemora la vittoria polacca contro l’invasione russa del 1919-1920, raggiunta anche se il nemico era superiore numericamente e a livello di armamenti.

Il video in cui la Squad303 annuncia il superamento di 100 milioni di messaggi inviati in Russia

Back To Top