Se avete un’auto connessa e volete venderla, cancellate prima i vostri dati

Autosenzapilota Autoconnessa Privacy Cybersecurity Billgates Belmont Usa Arizona Selfdrivecar Cybersecurity Cyber IoT Smart Cities IoT Motorola Guthrie IoT

Le Auto connesse a Internet sono diventate dei veri e propri computer. Con tutti i rischi legati: da quello per la privacy a quello della cyber security. Se ne avete una e volete venderla, assicuratevi prima di esservi disconnessi

  Vi siete disconnessi quando avete venduto ad altri la vostra automobile connessa? No? Allora rischiate che nel migliore dei casi la vostra privacy venga violata. Nel peggiore che sia usata per compiere cyber attacchi contro di voi o vostri cari. Perché? E’ molto semplice. Un veicolo connesso a internet ha delle caratteristiche ben precise. Dalla possibilità di impostare alcune opzioni in remoto (il controllo del clima per esempio, molto utile in estate quando andate a recuperare la macchina parcheggiata sotto il sole) all’inserire destinazioni nel navigatore o registrare i numeri di telefono contattati sia per chiamate vocali sia per messaggi (anch’essi a volte registrati). Di fatto le macchine di nuova generazione sono diventati dei veri e propri computer, con tanto di hard disk, virtuali o reali. Perciò, il nuovo proprietario potrebbe venire a conoscenza dei dati salvati, senza che ne siate a conoscenza, e usarli per fini personali anche criminali.

Anche i nuovi proprietari delle auto connesse corrono dei pericoli. Soprattutto se acquistate da privati e non tramite una concessionaria. Rimane il principio del cellulare: ne cedereste mai uno a uno sconosciuto senza prima averlo formattato?

C’è anche il rovescio della medaglia. Se il nuovo proprietario dell’auto intelligente e connessa a internet non sta attento, il vecchio possessore del veicolo potrebbe venire a conoscenza dei suoi dati per lo stesso motivo. Basterebbe accedere all’app legata alla vettura e il gioco è fatto. A differenza del caso precedente, peraltro, potrebbe anche causare danni maggiori che la conoscenza di informazioni personali. L’accesso all’applicazione, infatti, garantisce – fino alla cancellazione – non solo la capacità di leggere informazioni. Ma anche di inserirle. Quindi, grazie alla cyber tecnologia di creare disagi e danni al possessore del mezzo. Solitamente, i rivenditori effettuano in automatico le operazioni di cancellazione dei vecchi utenti. Ma nelle vendite tra provati ciò non avviene in automatico. Se capita a voi, assicuratevi che sia fatto. Cedereste mai il vostro smartphone a uno sconosciuto senza essere sicuri che sia stato completamente formattato? Il principio e i rischi sono i medesimi.