Nasce PaCSON, la rete dei CERT del Sud del Pacifico contro le cyber minacce

Pacifico Australia Nuovazelanda Pacson Pacificcybersecurityoperationalnetwork Cyber Cybersecurity Sicurezzainformatica Minaccecibernetiche Apt Cybercrime

Nasce il Pacific Cyber Security Operational Network (PaCSON) nel sud del Pacifico. I membri sono 14 e la prima presidenza è della Nuova Zelanda

I paesi nel sud del Pacifico hanno creato una rete regionale per proteggere la loro sicurezza informatica. Si chiama Pacific Cyber Security Operational Network (PaCSON) e per ora vi fanno parte i Computer Emergency Response Team (CERT) di 14 nazioni dell’area. Queste sono Australia, Isole Cook, Figi, le Marshall, Kiribati, Niue, Palau, Papa Nuova Guinea, Samoa, Salomone, Tokelau, Tonga, Tuvalu e Vanuatu. La presidenza dell’organismo per il momento è affidata al CERT della Nuova Zelanda, il principale advisor. In futuro, però ruoterà tra i partecipanti (il prossimo sarà Samoa). L’obiettivo del PaCSON è incrementare la capacità di resilienza delle nazioni dell’area contro le minacce cibernetiche. L’iniziativa è finanziata dal governo australiano, attraverso il Programma di cooperazione informatica (CCP) ed era stata annunciata a ottobre del 2017 dal ministro degli Esteri di Canberra, Julie Bishop, in occasione della presentazione della International Cyber Engagement Strategy.

L’obiettivo del PaCSON è incrementare le capacità di resilienza contro le cyber minacce nella regione e non solo. Da quelle delle APT fino al cybercrime

Il PaCSON lavorerà a stretto contatto con le organizzazioni nel Pacifico che condividono l’obiettivo di garantire che Internet continui ad essere aperto, libero e sicuro. I CERT del network, infatti, si scambieranno non solo informazioni per migliorare la cybersecurity della regione. Ma anche strumenti, tecniche e idee su come affrontare i pericoli cibernetici. Inoltre, verranno condotte esercitazioni sull’incident response a cyber attacchi da Advanced Persistent Threats (APT) e dal cybercrime. Ci saranno anche workshop sul come migliorare la sicurezza informatica – sia a livello locale sia di blocco – e contatti a livello internazionale per creare partnership. In questo contesto, l’Australia giocherà un ruolo centrale grazie ai finanziamenti legati al CCP e alla sua triplice funzione: segretariato, nonché guida in ambito operativo e tecnico.