La ricerca accademica globale sulla cyber security vale 1 miliardo di euro

Cyber Indomabili Ricerca Marcoramilli Yoroi Armidigitali Cyberweapons Digitalweapons Tecnologia Interessinazionali Italia Fattoreumano Cyberattack Cyberattacco Cybersecurity Fireeye Aziende Companies Mtrends2018 Asia Europa Europe Hacker Middleeast Cyberwarfare Cyberwar Mediooriente Americhe Americas Malware

La ricerca accademica globale sulla cyber security vale 1 miliardo di euro. Crossword Cybersecurity plc ha analizzato quasi 1.200 progetti di Stati Uniti, UE, Regno Unito, Australia e Africa, estrapolando i trend principali

La ricerca accademica globale sulla cyber security ha raggiunto il valore di un miliardo di euro. Lo ha rilevato Crossword Cybersecurity, analizzando quasi 1.200 progetti vecchi e nuovi di istituzioni di tutto il mondo. Dagli Stati Uniti all’UE, passando per Regno Unito, Australia e Africa. Gli esperti hanno identificato i trend più importanti: Oltre 100 progetti sono legati ai Sistemi Fisici (Cyber Physical Systems, CPS). In questo settore sono gli Usa quelli più attivi, con un focus sulla sicurezza informatica delle infrastrutture critiche. C’è poi il tema della Privacy, che ha visto un incremento di iniziative pari al 183% negli ultimi anni. Non manca Internet of Things (IoT) con ricerche cresciute del 123% e una quota del 14% rispetto al mercato totale. Infine, si segnala la Crittografia con un aumento del 227%. A spingere il boom è il crescente interesse verso i computer quantici.

I progetti accademici sulla cyber security variano in base alle aree geografiche, ma ci sono temi globali come la Crittografia, la Quantistica, la protezione delle infrastrutture critiche e la lotta al cybercrime

Peraltro, le ricerche accademiche sulla cyber security cambiano a seconda delle aree geografiche. L’UE è molto focalizzata sul minimizzare i rischi per la sicurezza informatica delle Piccole e Medie Imprese (PMI). Gli Usa, invece, hanno interesse sulla componente umana della cyber security, CPS, Cloud, lotta al cybercrime e Privacy nei Big Data. Il Regno Unito, invece, ha messo in secondo piano quest’ultimo tema (c’è un crollo nelle ricerche dell’85%) e punta su altri due: la protezione dai cyber attacchi delle infrastrutture critiche e del settore sanitario (healthcare). Su ognuno dei due ambiti, infatti, sono in essere 11 progetti. Londra, comunque, guarda anche altrove. Dalla quantistica applicata ai computer all’IoT (le iniziative negli ultimi 5 anni sono più che raddoppiate) ai CPS (9 ricerche). Ciò passando anche da Robotica, Cybercrime e Quantistica per le comunicazioni sicure e Crittografia. Questo è un tema di interesse globale con 52 progetti in tutto.