skip to Main Content

Italia, prima riunione per il Gruppo del Progetto C5ISR della Difesa sulla cyber security

Italia, Prima Riunione Per Il Gruppo Del Progetto C5ISR Della Difesa Sulla Cyber Security

Prima riunione per il Gruppo del Progetto C5ISR, team interforze di specialisti della Difesa italiana nella cyber security

Prima riunione per il Gruppo del Progetto C5ISR, team interforze italiano di specialisti nella cyber security. L’organismo, costituito con decreto del ministro alla Difesa Elisabetta Trenta e che dipende dal sottosegretario Angelo Tofalo, è presieduto dall’ammiraglio Ruggiero Di Biase ed è composto da una quindicina di elementi. La squadra si occuperà di redigere una proposta organica nell’ambito della riorganizzazione, già in atto, nel settore cibernetico all’interno della struttura della Difesa. Il Gruppo predisporrà le linee di indirizzo politico volte ad individuare i margini di sviluppo per definire in modo armonico e omogeneo tutti gli aspetti relativi al cyber dominio e più in generale in materia di: Information and Communication Technology (ICT), Comando e Controllo e Cyber Security unitamente ai collegamenti/relazioni con la componente Intelligence, Surveillance Reconnaisance (ISR).

il sottosegretario Tofalo: Puntiamo a sviluppare un’architettura di difesa cibernetica che possa divenire un modello virtuoso da esportare poi anche in tutta la Pubblica Amministrazione

“L’obiettivo è sviluppare un’architettura di difesa cibernetica che possa divenire un modello virtuoso da esportare poi anche in tutta la Pubblica Amministrazione”, ha spiegato Tofalo.  “In materia cyber security, la Difesa è il dicastero più avanti per quanto riguarda know how ed expertise. In questo primo incontro – ha aggiunto il sottosegretario alla Difesa – è emerso il bisogno e l’intento comune di lavorare al fine di migliorare il modello di gestione e difesa del dominio cibernetico nell’ambito del Dicastero. Sono certo – ha concluso – che grazie alle elevatissime capacità e competenze già presenti all’interno del Comparto Difesa, questo lavoro risulterà un moltiplicatore del potenziale esprimibile”. Il Gruppo, infatti, è stato concepito per costruire, insieme alle più importanti componenti dello Stato Maggiore della Difesa (SMD) e delle singole Forze Armate italiane, un percorso utile all’ottimizzazione e razionalizzazione delle competenze e dei flussi informativi relativi all’amministrazione del cyber dominio, ormai considerato la “Quinta Dimensione”.

Photo Credits: Ministero della Difesa

Il video di presentazione del GDP C5ISR

Difesa: parte il Gruppo di Progetto Cyber!

Cyber: la Difesa al servizio del Sistema Paese!Questa mattina si è tenuta la prima riunione del Gruppo di Progetto C5ISR, un tavolo che ho concepito, su delega del Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, per costruire, insieme alle più importanti componenti dello Stato Maggiore della Difesa e delle singole Forze armate, un percorso utile all’ottimizzazione ed alla razionalizzazione delle competenze e dei flussi di informazione relativi all’amministrazione del dominio cibernetico.Il Presidente del gruppo, Ammiraglio Ruggiero Di Biase, Il Vice presidente, Generale Cantiello, il responsabile cyber del mio ufficio, Capitano di Corvetta Biagio Tampanella, il segretario, 1° M.llo Gianluca Casaburi, il Consigliere del Ministro Mirko Lapi, mi aiuteranno a coordinare i lavori che nei prossimi sei mesi, grazie al contributo di tutti, porteranno alla redazione di una proposta organica per favorire la riorganizzazione già in atto nel settore cibernetico all’interno della Difesa.Il GdP dovrà proporre le linee di indirizzo politico volte ad individuare i margini di sviluppo per definire in modo armonico ed omogeneo tutti gli aspetti relativi al dominio cibernetico e più in generale in materia di: Information and Communication Technology (ICT), Comando e Controllo e Cyber Security unitamente ai collegamenti/relazioni con la componente Intelligence, Surveillance Reconnaisance (ISR).Tutti i partecipanti hanno avuto modo di illustrare il proprio ruolo all’interno del comparto ed hanno offerto una prima panoramica di come ogni singola Forza armata o articolazione della Difesa ha finora operato e strutturato la propria organizzazione.Al di là delle differenze, è emerso il bisogno e l’intento comune di lavorare al fine di migliorare il modello di gestione e difesa del dominio cibernetico nell’ambito del Dicastero.Sono certo che grazie alle elevatissime capacità e competenze già presenti all’interno del Comparto Difesa, questo lavoro risulterà un moltiplicatore del potenziale esprimibile.Vi aggiornerò, nei limiti del possibile, su tutto il percorso.

Geplaatst door Angelo Tofalo op Woensdag 27 februari 2019

Back To Top