Italia, in corso una massiccia campagna phishing che coinvolge le banche

Malspam Italia Campagna Banche Polizia Filevbs Attilegali Botnet Necurs Aziende Certpa Malspam Cybersecurity Infosec Moneyscam Informationscam Phishing Spearphishing Malware Ransomware Barracuda Ceofraud Bec Fireeye Cybercrime Cobalt Groupib Banche Finanza Spam Email Comodo Phishing Spear Clone Websiteforgery Filterevasion Covertredirect Cybercrime Cyber Cyberwar Cyberwarfare Hacker Email Sicurezzainformatica Scam Cyber Cybercrime Phishing Malware Frodeinformatica Truffaonline Bot Nimbus Istituzioni Finanziarie Hacker Cyber Internet Web Cybersecurity Spamming

Nuova e massiccia campagna di cyber attacchi in Italia di tipo phishing. La Polizia di Stato: il cybercrime usa falsi siti delle banche per rubare le credenziali d’accesso alle vittime

In Italia è in corso una massiccia campagna di phishing, che vede coinvolte le banche. Lo denuncia la Polizia di Stato. Attraverso un’opera di monitoraggio della rete, gli esperti di cyber security del CNAIPIC hanno rilevato un’importante attività di questo tipo. I criminali informatici inviano mail ai bersagli con esche legate alle banche. Lo fanno utilizzando sofisticate tecniche per dirottare gli utenti su pagine web “fake” degli istituti, inducendoli a inserire il codice cliente e la password. L’obiettivo, chiaramente, è quello di rubare le credenziali alle vittime per poi sfruttarle in modo fraudolento per trarne profitto. Quello di questi giorni è il secondo attacco cibernetico che coinvolge gli istituti di credito in Italia in meno di 3 mesi. Il precedente, avvenuto ad agosto, chiedeva ai destinatari delle mail di collegarsi all’apparente home page della banca per procedere alla conferma dei propri dati e consentire l’aggiornamento dei sistemi di sicurezza.

Gli istituti di credito non chiedono mai i dati dell’utente, a maggior ragione via posta elettronica o sms. Perciò, se arrivasse una mail sospetta contattate immediatamente la vostra banca

La Polizia di Stato ricorda che le banche non chiedono mai i dati dell’utente, a maggior ragione via posta elettronica o sms. Perciò, le mail o i messaggi che chiedono di inserire per qualche motivo le proprie credenziali nelle presunte homepage degli istituti, sono una frode cibernetica. A proposito, si ricorda di non aderire mai a qualsiasi richiesta di questo tipo. Inoltre, si consiglia di contattare la propria banca attraverso l’area riservata dedicata ai clienti, il call center o la filiale presso cui si opera. Sia via telefono sia recandovisi direttamente. Infine, se si è ricevuto un messaggio dubbio, è sempre bene effettuare una scansione approfondita del proprio computer o dispositivo con un antivirus aggiornato. I cyber attacchi di tipo phishing, infatti, possono essere molti pericolosi. Il cybercrime li usa per colpire una platea più ampia possibile con strumenti ed esche sempre più subdoli.

Il messaggio della Polizia di Stato