skip to Main Content

Google Chrome va subito aggiornato alla versione 76.0.3809.132

Google Chrome Va Subito Aggiornato Alla Versione 76.0.3809.132

Gli esperti di cyber security: Scoperta una falla su Google Chrome, che permette a un attaccante di eseguire attacchi da remoto o di tipo DoS. Bisogna aggiornare subito il browser 

Google ha corretto una vulnerabilità in Chrome, che consentirebbe a potenziali aggressori di eseguire attacchi da remoto o di tipo DoS  (denial-of-service). Lo ricordano gli esperti di cyber security del CertPa. Nei giorni scorsi l’azienda ha rilasciato un avviso di sicurezza, relativo al CVE-2019-5869. L’aggiornamento (v. 76.0.3809.132) è disponibile per Windows, Mac e Linux. Tutte le versioni precedenti a quest’ultima risultano interessate dal difetto. Si raccomanda pertanto di provvedere con l’aggiornamento del browser e, come di consueto, evitare di navigare siti internet poco attendibili. Ciò, in quanto la falla può essere essere sfruttata se l’utente visiti volutamente o venga reindirizzato verso una pagina Web appositamente predisposta. In questo caso, il cybercrime è in grado di attaccare a distanza il sistema della vittima, eludendo le restrizioni di sicurezza con la possibilità di eseguire codice arbitrario sul sistema interessato, sferrare attacchi di tipo DoS e sottrarre informazioni sensibili.

Tutti i danni che il cybercrime potrebbe produrre se riuscisse a entrare nel computer della vittima

Secondo gli esperti di cyber security del Center for Internet Security (CIS), la vulnerabilità su Google Chrome permette ai criminali cibernetici di compiere una serie di azioni ai danni delle vittime, grazie all’esecuzione di codice arbitrario da remoto. In particolare, a seconda dei privilegi associati con le applicazioni, questi potrebbero installare programmi; visualizzare, cambiare o cancellare dati, nonché creare nuovi account con pieni poteri nella macchina-bersaglio. L’unica situazione in cui il danno avrebbe meno impatto è se i diritti sul sistema non fossero quelli di amministratore. Inoltre, finora non sono stati riportati casi in cui la falla è stata sfruttata dal cybercrime. Comunque, tutti gli utilizzatori del browser sono a rischio fino a quando non lo aggiorneranno alla versione 76.0.3809.132.

Back To Top