skip to Main Content

Cybersecurity, Usa e Israele sviluppano cooperazione sulla ricerca

Cybersecurity, Usa E Israele Sviluppano Cooperazione Sulla Ricerca

Il Congresso approva 2 leggi per sviluppare programmi e prodotti congiunti, legati alla protezione dalle minacce informatiche

Cresce la cooperazione tra Stati Uniti e Israele sula cybersecurity. Il Congresso Usa a larga maggioranza ha votato a favore di due leggi che promuovono la collaborazione tra i due paesi nell’ambito della ricerca sulla sicurezza informatica. La prima è lo United States-Israel Cybersecurity Cooperation Enhancement Act del 2016: la norma stabilisce un programma di sovvenzioni per progetti di ricerca e sviluppo (R&D) congiunti, focalizzati sul contrasto alle cyberthreats. I contributi saranno erogati a joint ventures tra aziende israeliane e statunitensi, enti governativi e non profit, istituzioni accademiche. La condizione per ricevere i finanziamenti, però, è che i progetti non siano considerati classificati nei due paesi. Il programma avrà una durata di 7 anni.

Esteso al settore cybersecurity il sostegno allo sviluppo e commercializzazione di nuovi prodotti

Il secondo provvedimento sulla cybersecurity Usa-Israele approvato dal Congresso è l’Advanced Research Partnership Act. Questo espande un’iniziativa simile legata all’R&D bilaterale, promossa da dipartimento per la Homeland Security e ministero per la Public Security. Obiettivo generale del programma e sostenere lo sviluppo di nuovi prodotti, accompagnandoli dalla fase di ricerca a quella di commercializzazione. Grazie alla nuova legge, la cybersecurity è stata inserita tra i settori coinvolti dall’iniziativa. Le due leggi sono state presentate dal democratico Jim Langevin e dal repubblicano John Ratcliffe dopo un viaggio in Israele. A maggio del 2016 di una delegazione parlamentare Usa è volata in Israele per una serie di incontri. Tra i focus si è discusso anche delle minacce informatiche nei confronti dei due paesi.

Back To Top