skip to Main Content

Cybersecurity: nasce CyCLONe, la rete di risposta rapida UE alle crisi

Nasce “CyCLONe” (Cyber Crisis Liaison Organisation Network), la rete di risposta rapida UE alle crisi e ai cyber incidenti cyber transfrontalieri su vasta scala. Il network europeo è nato soprattutto grazie agli sforzi dell’Italia con il DIS e della Francia con l’ANSSI

Nasce “CyCLONe” (Cyber Crisis Liaison Organisation Network), la rete di risposta rapida UE alle crisi e ai cyber incidenti cyber transfrontalieri su vasta scala. Come fa sapere il Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza (DIS), è stata lanciata in occasione della seconda edizione dell’esercitazione europea “Blue OLEx 2020”, promossa dall’Agenzia europea per la cybersecurity (ENISA), in collaborazione con la Commissione Europea. Il network è stato creato grazie al lavoro svolto in particolare dall’Italia, attraverso il DIS, e dalla Francia con l’ANSSI, (l’Agenzia per la sicurezza dei sistemi informatici), che hanno guidato i lavori nell’ambito del NIS Cooperation Group. “CyCLONe”, con la Germania primo coordinatore in quanto Presidente di turno del Consiglio Ue, mira ad implementare il meccanismo europeo di risposta rapida alle crisi e agli incidenti cibernetici, nonché a supportare le strutture di cybersecurity, rafforzando la collaborazione sia a livello tecnico (ad esempio tra gli CSIRT) sia politico.

CyCLONe è stato lanciata in occasione dell’esercitazione UE Blue OLEx 2020, che ha due obiettivi: testare la capacità degli Stati Membri in caso di eventi cibernetici in Europa e dall’altra rafforzare la cooperazione tra le autorità nazionali responsabili della sicurezza cibernetica, la Commissione europea ed ENISA

“Blue OLEx 2020” ha due obiettivi: da una parte testare la capacità degli Stati Membri in caso di eventi cibernetici in Europa e dall’altra rafforzare la cooperazione tra le autorità nazionali responsabili della sicurezza cibernetica, la Commissione europea ed ENISA. L’esperienza acquisita durante le “cyber manovre”, peraltro, contribuirà in parallelo ad alimentare anche il novero delle procedure operative standard di CyCLONe, modellandone le future esercitazioni a livello operativo. I lavori, organizzati quest’anno dai Paesi Bassi, si svolgono online, con la partecipazione dei rappresentanti delle autorità cyber nazionali dei 27 Paesi membri. L’Italia, come nella precedente edizione, è stata rappresentata dal DIS.

Back To Top