skip to Main Content

Cybercrime, nuova ondata della campagna phishing sui pacchi in Italia via BRT

Analisi tecnica del Malware Hunter JAMESWT

Nuova ondata della campagna phishing sui pacchi in Italia via BRT. Le esche sono sempre una presunta giacenza e la richiesta di pagare un importo per sbloccarla. Il link nella mail punta a un falso sito del corriere

Nuova ondata in Italia della campagna di phishing a tema “pacchi”. Le esche sono sempre una presunta spedizione in giacenza presso BRT e la necessità di pagare un importo per sbloccarla.

Il link nella mail punta a una falsa pagina del corriere dove inserire i dati personali e della carta di credito per saldare il dovuto.

Completato il passaggio, apparirà una seconda schermata in cui è richiesto il codice sms inviato al numero di telefono della vittima. Digitando qualunque combinazione, però, si verrà reindirizzati alla stessa pagina. Intanto, i dati personali e della carta sono stati rubati dagli attori del cybercrime dietro alla campagna. Questa peraltro, è già emersa a intervalli irregolari nel nostro paese, segno che probabilmente sta funzionando.

Back To Top