skip to Main Content

Cybercrime, McAfee esca per una truffa via phishing anche in Italia

McAfee esca per una truffa via phishing anche in Italia. Mail sulla presunta scadenza del periodo trial dell’antivirus e sul conseguente rischio di pagare 230$ al mese. Obiettivo: far sì che la vittima chiami il telefono fornito nel testo per rubare dati e soldi

L’antivirus McAfee diventa esca per una campagna phishing a scopo di truffa, arrivata anche in Italia. La vittima riceve una mail, rilevata dal Malware Hunter JAMESWT, in cui si comunica che la versione trial del software è in scadenza e si ricorda che al termine, se nel frattempo non avverrà la cancellazione dal servizio, verrà addebitato un pagamento automatico di 230 dollari al mese. Infine, si allega un numero telefonico a cui rivolgersi per qualsiasi informazione.

E’ tutto falso. L’obiettivo degli autori del cybercrime dietro all’operazione è far sì che l’utente contatti l’utenza fornita per potergli sottrarre informazioni sensibili o del denaro con la scusa che la chiusura dell’operazione ha un costo. Non a caso, non compare nel messaggio nessun logo o riferimento formale alla software house, nonché il numero di telefono è registrato in Costa d’Avorio.

 

Back To Top