skip to Main Content

Cybercrime, la doppia truffa dei pacchi in Italia ora passa da una falsa chat delle Poste

La doppia truffa dei pacchi in Italia ora passa da una falsa chat delle Poste. Una mail su una spedizione punta a una chat fake dell’operatore. Questo indirizza a un sito di concorsi, dove la vittima si abbona inconsapevole e fornisce i suoi dati

La doppia truffa phishing della giacenza pacchi contro gli utenti in Italia si evolve e ora passa attraverso una falsa chat di Poste Italiane. La mail chiede di tracciare un pacco in arrivo tramite un link fornito nel testo.

Questo punta a una pagina fake delle Poste in cui viene mostrata una chat automatica, in cui si avverte l’utente che l’etichetta della spedizione era rovinata e lo si invita ad aprire un secondo link per confermare i propri dati.

Il collegamento indirizza la vittima a un sito di concorsi, dove – pagando un piccolo contributo – potrà vincere uno smartphone di ultima generazione.

 

In realtà, si abbonerà a un abbonamento non bene identificato, che costa 67 euro al mese e che è gestito da una società straniera.

Di conseguenza, sarà praticamente impossibile per l’utente recuperare il denaro sottratto dai cyber criminali. Questi ultimi, inoltre, avranno a disposizione tutti i dati sensibili della vittima: dalle info personali ai numeri della carta di credito.

Back To Top