skip to Main Content

Cybercrime, i dati del 92% degli utenti LinkedIn sono in vendita sul dark web

I dati del 92% degli utenti LinkedIn sono in vendita sul dark web. Un hacker ha rubato le informazioni di 700 milioni di profili sui 756 milioni totali. Sembra che il data breach sia avvenuto grazie alle API

Le informazioni del 92% degli utenti LinkedIn sono state compromesse e sono in vendita sul dark web. Lo denunciano gli esperti di cybersecurity di E Hacking News, secondo cui i dati sarebbero riferiti a oltre 700 milioni di profili sui 756 milioni totali. Sembra che un hacker sia, infatti, entrato in possesso di un nuovo dataset che contiene i numeri di telefono, gli indirizzi, la geo-localizzazione e i salari. Peraltro, secondo diversi ricercatori, i dati sono autentici e aggiornati a un periodo tra il 2020 e il 2021. La stessa piattaforma ad aprile aveva riportato di aver subito un data breach che impattava 500 milioni di utenti, con le loro informazioni personali esposte online. Il criminal hacker, contattato da 9to5Google, ha affermato di aver ottenuto il data set sfruttando l’API di LinkedIn per raccogliere ciò che gli utenti caricavano sul sito.

Back To Top