skip to Main Content

Cybercrime, campagna phishing/smishing in Italia su “pagamento anomalo”

Campagna phishing/smishing in Italia su “pagamento anomalo”. Un sms, che si inserisce in quelli leciti di Nexi, punta a una pagina con un indirizzo simile alla Banca d’Italia. Questa imita quella di ING. Obiettivo: rubare i dati

Nuova campagna phishing in Italia a tema banche. L’esca è un sms di smishing in cui si avvisa l’utente di un pagamento anomalo con la sua carta di credito/debito e si invita a inserire i propri dati aprendo un link.

Questo punta a una falsa pagina login di ING, in cui viene chiesto di inserire il codice utente, il pin e il numero di telefono.

Conclusa l’operazione, apparirà un messaggio sul fatto che questa è andata a buon fine e che presto la vittima sarà contattata da un operatore.

E’ tutto falso, l’intera operazione è un trucco del cybercrime per rubare informazioni sensibili da usare successivamente in modo fraudolento. Peraltro, l’sms in automatico viene inserito in quelli leciti provenienti da Nexi e, per avvalorare la truffa, apparentemente il link punta a un indirizzo della Banca d’Italia.

Back To Top