skip to Main Content

Cybercrime, arriva la Pasqua e le truffe phishing collegate alla festività

Arriva la Pasqua e le truffe phishing collegate alla festività. In Italia circolano campagne di due tipi: uno punta a infettare le vittime con malware allegati a e-mail a tema. L’altro a frodare le vittime con false offerte legate ai viaggi. Attenzione!

La Pasqua e le vacanze collegate sono al centro di una nuova ondata di campagne phishing del cybercrime, che prende di mira l’Italia. Queste sono di due tipi: il primo punta a infettare i computer delle vittime con malware allegati a messaggi sul tema della festività. A questo proposito, Emotet, AgentTesla, Formbook, Quakbot e il cryptominer XMRig sono i più gettonati. Non mancheranno nemmeno ransomware. Il secondo, invece, è collegato a truffe varie, collegate soprattutto ai viaggi. Le esche sono solitamente super offerte per pacchetti vacanze last minute, alloggi o servizi, che in realtà non esistono o che nascondono gabole. Vale sempre la regola: se è troppo conveniente, ci sono alti rischi che sia una frode. Quest’anno, peraltro, i rischi sono più elevati a seguito dell’invasione russa in Ucraina, che ha scatenato una guerra non solo sul terreno, ma anche nel cyberspazio.

Back To Top