skip to Main Content

Coronavirus, videogame e cyberspazio a sostegno degli abitanti di Wuhan

Coronavirus, Videogame E Cyberspazio A Sostegno Degli Abitanti Di Wuhan

I mondi dei videogame e del cyberspazio corrono in aiuto di chi è bloccato a Wuhan, regalando molte copie di “Mirror”. Obiettivo: alleviare i disagi per chi è obbligato a rimanere chiuso in casa per il coronavirus

Chi è bloccato a casa nelle città in Cina per il coronavirus oggi ha un aiuto dai mondi del cyberspazio e dei videogames. Come riporta Alessandra Rossi sul sito RetroForce, gli sviluppatori di “Mirror” hanno postato su STEAM un messaggio per le persone che si trovano nelle zone colpite dal New China Virus, avvisandole che potranno giocare gratuitamente. Peraltro, l’avviso può essere utile non solo per i videogame cinesi, ma anche per quelli internazionali. Il software, infatti, è disponibile anche in giapponese e inglese. Inoltre, ha una modalità “storia” che garantisce maggiore coinvolgimento e partite più intense. L’idea è che il gioco, un simulatore di appuntamenti/puzzle con protagoniste delle belle ragazze in stile anime, possa aiutare chi si trova in condizioni disagiate o è isolato a passare meglio il tempo.

Dagli sviluppatori anche un messaggio di sostegno e alcuni consigli per non correre rischi col New China Virus

Gli sviluppatori di Mirror hanno anche inviato un messaggio di incoraggiamento per chi vive a Wuhan. Nel testo si legge che “l’anno è appena iniziato e siamo tutti di fronte a situazioni difficili. Per evitare il coronavirus (nCov), è meglio rimanere a casa. Quindi abbiamo deciso di regalare 160.000 copie di Mirror per farvi compagnia. Accettate il nostro dono e siate forti!”. Inoltre, usano la piattaforma online di STEAM per ricordare agli utenti che è meglio “evitare di uscire da casa” ma, se necessario farlo, di usare sempre la maschera. Si consiglia anche di “evitare il contatto fisico con altre persone e stare lontani dalla folla”, nonché di lavarsi le mani tutte le volte che si può. Il messaggio si conclude con l’augurio che “ancora una volta, speriamo sinceramente che tu abbia trascorso una permanenza piacevole e sicura”.

Back To Top