Come proteggere i vostri figli a casa dai pericoli di Internet

Cybersecurity Bambini Casa Sicurezzainformatica Cyberbullismo Minaccecibernetiche Cybercrime Regole Figli Genitori Sicurezza Privacy

Su Internet crescono i pericoli per i bambini, soprattutto a casa. Questo, infatti, è il luogo dove si sentono protetti e tendono ad abbassare la guardia

Internet è diventato oggi uno dei pericoli maggiori per i bambini e i ragazzi. Si moltiplicano infatti gli episodi di cyberbullismo o i ricatti che vedono come vittime i più giovani. Lo conferma un recente sondaggio dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza e di Skuola.net. Garantire la loro cyber security e privacy, però, è meno difficile di quello che si pensi. Soprattutto a casa, l’ambiente dove tenderanno di più a rilassarsi e ad abbassare la guardia contro possibili pericoli che coinvolgano il cyberspazio. Ecco alcuni semplici consigli per far sì che voi e i vostri figli vi godiate appieno la rete e la famiglia, lontani dai rischi.

I dispositivi connessi al web devono essere in aree comuni e frequentate, in questo modo monitorerete dove navigano i vostri figli e per quanto tempo

Innanzitutto è consigliabile collocare il computer da cui ci si collega a Internet in un ambiente comune. Da una parte potrebbe essere sacrificata la privacy, ma dall’altra sarà più facile tenere monitorare dove navigano i vostri figli. Secondo alcuni studi l’ideale è la cucina o il salone. Vanno bene anche stanze-studio o ludiche, purché siano condivise e frequentate effettivamente sia dai genitori sia dai ragazzi. Inoltre, si ridurranno i rischi – soprattutto per i più piccoli – che surfino a vostra insaputa durante la notte. Chiaramente nel caso invitino amici, è necessario aumentare la “vigilanza” e pretendere il rispetto delle regole.

Applicare sempre a tutti gli apparecchi connessi e ai browser i parent control e le restrizioni. Se potete, navigate insieme ai bambini. Aiuterà anche il vostro rapporto

Inoltre, è buona norma dotare tutti i sistemi elettronici, specialmente quelli connessi a Internet, delle protezioni per la privacy. Dai vari parent control alle restrizioni. Sia sui vari apparecchi (computer, telefoni, tablet, ecc…) sia sulle visite alle APP e ai siti giudicati non idonei ai ragazzi. Cercate anche di valutare se i vostri figli utilizzano correttamente i dispositivi con cui entrano in contatto. L’esempio classico è il bambino che prende lo smartphone dei genitori per vedere alcuni video su YouTube. Se non controllate cosa guarda (vale soprattutto per i più piccoli), rischiate che finisca su contenuti inappropriati per i ragazzi senza che se ne renda conto. Perciò, anche se il piccolo sembra divertirsi, verificate sempre e più volte. Ancora meglio sarebbe se vi godeste i filmati insieme. In questo modo migliorerebbe la complicità e, di conseguenza, anche il rapporto genitore-figlio.

Un’operazione fondamentale, ma spesso ignorata dai genitori. Disabilitate sempre la foto/video camera di tutte le app che i piccoli potrebbero usare. Inoltre, stabilite insieme regole e divieti certi

Un dettaglio fondamentale, ma spesso ignorato, è quello delle impostazioni delle APP. Soprattutto di quelle rivolte ai più piccoli. Verificate sempre, e in ognuna delle applicazioni che i bambini potrebbero usare, che siano disabilitati la foto/telecamera e il microfono. In questo modo non potrà condividere inavvertitamente informazioni pericolose per la sua sicurezza e privacy. Infine, anche se spesso è molto difficile, stabilite insieme ai vostri figli delle regole inviolabili per l’uso di Internet e social media. Dall’obbligo di chiedere il permesso prima di connettersi o scaricare qualche contenuto al fornire informazioni personali. Infine, va vietato nel modo più assoluto ai ragazzi di interagire sul web con sconosciuti. Se questi tentassero di contattarli, vi devono avvisare immediatamente. Allo stesso modo, è necessario – anche se più difficile – che vi chiedano aiuto nel caso siano cyber-bullizzati o ricevano contenuti pericolosi, seppure da amici.