Apple blinda la cyber security di tutta la galassia dei suoi sistemi

Apple Applewatch Cupertino Appletv Smartphones Tablets Mobile Computer Bootcamp Krack Malware Spectre Certpa Adwind Trojan Rat Malware Malwareasaplatform Sicurezzainformatica Nigeria Meltdown Intel CERT Italia Cina Pechino Cyberthreat Cyberthreatintelligence Aziende Sicurezzainformatica Cybersecurity Malware Melissa Coreadelnord Sony Usa Cina Iran Israele Europa Zeus Cryptolocker Aurorastuxnet Mydoom Sqlslammer,wannacry Petya, Mirai Botnet Film Cinema Qatar Turchia Ankara Doha Hacker Usa India Pentagono DTTI Comitato Forze Armate Senato Congresso New Delhi Cybersecurity Italia GCI ITU Australia Indonesia MoU

Apple aggiorna la sicurezza di tutti i suoi sistemi contro gli attacchi informatici. Da quella di computer, smartphones e tablet a quella di Apple Watch e della TV

Apple aggiorna la sicurezza dei suoi sistemi contro gli attacchi informatici. E appena uscita la nuova release che risolve diverse vulnerabilità in macOS, iOS, watchOS, tvOS, Safari, iTunes per Windows e iCloud per Windows. Grazie a questi è stata imcrementata la cyber security non solo di smartphones, tablet e computer. Ma anche degli orologi Apple Watch e della Apple TV. Il pacchetto contiene diversi fix di sicurezza che risolvono numerose vulnerabilità, di cui alcune di gravità elevata. Queste potrebbero consentire a un attaccante di accedere ad aree di memoria protette, ottenere privilegi elevati ed eseguire codice arbitrario sul sistema. Inoltre, c’è il rischio che siano sfruttate per provocare condizioni di denial of service (DoS).

Il colosso di Cupertino interviene anche contro le minacce cibernetiche al Wi-Fi, mediante i cyber attacchi di tipo KRACK

Peraltro, Apple ha appena rilasciato un nuovo aggiornamento di cyber security anche per Boot Camp. E’ un software che consente di installare il sistema operativo Microsoft Windows su un’ampia gamma di piattaforme hardware dell’azienda di Cupertino. Inoltre, incluso in macOS ed è disponibile per MacBook, MacBook Pro, MacBook Air, Mac mini, iMac e Mac Pro. La release risolve tre gravi vulnerabilità, utilizzate negli attacchi informatici di tipo KRACK (Key Reinstallation Attack) al protocollo WPA2 delle reti Wi-Fi. Questo permette a un cyber aggressore che si trovi nel raggio di azione del dispositivo Wi-Fi della vittima e che sia in grado di intercettare il traffico effettuando un man-in-the-middle (MitM), di accedere alle informazioni in transito, tra cui potenzialmente dati sensibili. Dalle password ai numeri di carte di credito ai messaggi, ecc.. In alcune condizioni, potrebbe essere possibile anche manipolare i dati per iniettare malware nei siti Web visitati dagli utenti.