Africa, arriva la prima cryptocurrency che non richiede Internet: mCoin

Mcoin Onem Cryptocurrency Africa Cryptocurrencies Sms Mobile Blockchain Wallet Poverty Criptovaluta Sociale

Sbarca in Africa mCoin, la prima cryptocurrency che non richiede necessariamente Internet per funzionare. Ed è anche sociale, grazie al programma “Pseudo-Mining”

Arriva in Africa la prima cryptocurrency che non richiede necessariamente Internet per funzionare: mCoin. E’ stata inventata da ONEm Communications e sfrutta i messaggi di testo (SMS) per circolare. La società ha appena lanciato il programma “Pseudo-Mining” per diffonderla al pubblico nel Continente. Peraltro, mCoin è una moneta digitale sociale. Oltre ad acquistarla nei modi tradizionali, questa può essere elargita a chi compie azioni positive tramite iniziative sponsorizzate. Registrandosi si riceve un bonus di 100 unità della criptovaluta e viene inviato un codice di riferimento da condividere con amici e parenti, che porterà ad altri “guadagni”. Contestualmente sarà aperto il primo wallet mai creato via SMS, che permette di immagazzinare e scambiare la valuta con altri, senza l’uso della rete. Inoltre, si potranno acquistare vari servizi. News comprese, che saranno inviate con messaggi e da una fonte autorevole: Reuters.

L’obiettivo di ONEm è diffondere la criptovaluta a tutte quelle persone che non hanno accesso al Web, per permettere loro di avere migliori accessi ai servizi. La blockchain applicata agli SMS garantisce la sicurezza, anche su dispositivi mobile vecchi

Gli mCoin sono stati creati per fornire assistenza a tutte quelle persone che hanno uno scarso o nullo accesso a Internet. In particolare in Africa, ma si pensa di estendere la diffusione della cryptocurrency anche altrove. Secondo il World Economic Forum, in tutto il mondo oltre 4 miliardi di persone non sono connesse. Di conseguenza, non possono sfruttare i benefici derivati dal Web come servizi finanziari accessibili. Da qui l’idea della criptovaluta che permetterà grazie a semplici SMS di creare e gestire a distanza wallet virtuali. Peraltro in tutta sicurezza, in quanto la tecnologia blockchain è sempre presente, e su qualunque tipo di dispositivo mobile. Non servono, infatti, moderni smartphone. Basta un apparecchio che sia in grado di ricevere e inviare messaggi di testo.  A proposito, ONEm ha già siglato accordi con oltre 30 operatori TLC in Africa e si appresta a firmarne altri.

Il sito web ufficiale della valuta digitale