A rischio la sicurezza nazionale in Francia dopo un cyber attacco a Ingerop

Glossario Cyber Bitcoin Ingerop Datatheft Infosec Centralinucleari Cyberwarfare Cyberwar Cryptocurrency Blockchain Dummies Termini Iot Malware Ransomware Cyberattacchi Hacker SEC Cisco Talos Malware DNSMessenger Usa ACAL Europa Ue Usa Kenya Cyber Eu Fancy Bear–apt28 Pawn Storm Strontium Italia Francia UK Germania Russia Hacker Cyber Spionaggio Malware Cybersecurity

Maxi furto di dati in Francia, che mette in pericolo la sicurezza nazionale. Hacker ignoti hanno rubato oltre 65 Giga di documenti, alcuni legati alle centrali nucleari, alle carceri e ai network dei tram

La Francia ha subito un cyber attacco, che rischia di mettere in pericolo le sue centrali nucleari e la sua sicurezza nazionale. Lo riporta Security Affairs, citando il sito tedesco Deutsche Welle. Sembra che qualcuno si sia riuscito a infiltrare nei network della Ingerop, guadagnando l’accesso a documenti confidenziali legati agli impianti nucleari. L’aggressione informatica è avvenuta a giugno, ma finora era stata tenuta segreta. Peraltro, secondo il media tedesco, alcuni dei dati sono stati ritrovati su un server affittato in Germania. In tutto, secondo una portavoce dell’azienda citata da NDR, i ladri cibernetici hanno sottratto più di 11.000 file di una decina di progetti. Gli hacker malevoli avrebbero rubato oltre 65 Giga di documenti, all’interno dei quali ci sono piantine delle centrali, di alcune prigioni e di linee dei tram.

I dati rubati a Ingerop contengono informazioni dettagliate. La compagnia fa sapere di aver avvisato tutti i clienti coinvolti e che molti documenti sono inutili. Intanto incrementa la sua cyber security e quella di altro tipo

I dati rubati dagli hacker in Francia sono molto pericolosi. Contengono, infatti, informazioni dettagliate. Come la disposizione delle telecamere in un carcere di alta sicurezza e documenti sul progetto per una discarica di rifiuti nucleari nel nord est del paese. Non mancano, come ricorda Security Affairs, carte relative alla centrale atomica di Fessenheim, al confine con la Germania, che chiuderà nel 2022. A peggiorare la situazione, peraltro, insieme ai file sono stati sottratti i dati personali di oltre un migliaio di dipendenti della Ingerop. La compagnia da parte sua afferma che non tutti i piani rubati sono stati realizzati. Inoltre, che ogni cliente coinvolto nell’aggressione cibernetica è stato avvertito. Infine, ha fatto sapere di aver attivato una serie di misure di cyber security e di altro tipo, senza però fornire ulteriori dettagli.