skip to Main Content

A Singapore un centro cyber-intelligence APAC per proteggere la finanza

A Singapore Un Centro Cyber-intelligence APAC Per Proteggere La Finanza

La struttura rafforzerà la protezione del settore finanziario regionale (e non solo) dalle cyberthreat, attraverso analisi e condivisione informazioni.

Singapore ospiterà presto un centro regionale Asia Pacifico (APAC) per l’Intelligence e l’Analisi (cyber-intelligence). La struttura nascerà su impulso dell’Autorità monetaria di Singapore (MAS) e del Centro per l’Analisi e l’Information Sharing dei Servizi Finanziari (FS-ISAC). Lo rende noto la MAS. La struttura, che dovrebbe essere operativa nel primo semestre del 2017 ha due obiettivi: il primo è incoraggiare la condivisione e l’analisi di informazioni legate alla cybersecurity. Ciò con e tra gli attori del settore finanziario. Il secondo è rafforzare l’ecosistema della sicurezza informatica regionale. Questo grazie a migliori capacità di cyberintelligence e analisi. Per svolgere questi compiti impiegherà analisti locali. Gli specialisti monitoreranno le minacce cibernetiche e forniranno raccomandazioni su azioni per mitigarle.

Come funzionerà il centro e chi ci lavorerà

Il centro per la cyber-intelligence sarà composto e diretto esclusivamente da personale del FS-ISAC dell’Asia-Pacifico. Le informazioni circoleranno solo tra i membri dell’organismo. Quest’ultimo organizzerà anche eventi regionali sulla cybersecurity e corsi di formazione per migliorare le capacità di difesa informatica del settore finanziario nell’area. L’FS-ISAC è una corporazione no-profit, finanziata dai 7.000 membri in 72 paesi. Con l’aumento continuo dei cyberattacks, “la disponibilità di informazioni e threat intelligence affidabili, tempestive e utilizzabili è critica per garantire la sicurezza del settore finanziario globale”, ha detto il presidente e amministratore delegato del FS-ISAC, Bill Nelson.

Le minacce cibernetiche al settore finanziario

“Le cyber threat che colpiscono nello specifico il settore finanziario sono di ampia gamma – ha spiegato Nelson -. Includono furti, compromissioni di email aziendali, attacchi Distributed denial of services (DDoS) e malware distruttivi. L’FS-ISAC lavora per valutare, analizzare e mitigare i rischi attraverso la threat intelligence analysis collettiva e una piattaforma di condivisione. Questa iniziativa – ha sottolineato – permette alle aziende finanziarie sia nella regione sia a livello globale di costruire un modello di difesa comunitaria più forte. Inoltre, sarà una risorsa importante – ha concluso -, per sviluppare analisi più approfondite, mitigare i pericoli e incoraggiare una maggiore collaborazione” sul tema. La conferma sulle necessità del centro viene anche dai recenti attacchi a settore bancario internazionale. La mancata condivisione di informazioni di cyber-intelligence ha causato il ripetersi di attacchi dello stesso tipo, che sarebbero potuti essere evitati.

 

La nota ufficiale dell’Autorità monetaria di Singapore sul Centro

Back To Top