skip to Main Content

Cybercrime, nuova campagna phishing in Italia via Aruba

Il ricercatore di cyber security JAMESWT scopre una nuova campagna phishing del cybercrime contro l’Italia, che sfrutta Aruba. Simula una richiesta di pagamento per rubare, attraverso una falsa pagina del provider, le credenziali della carta di credito

Nuova campagna phishing del cybercrime in Italia per rubare le credenziali delle carte di credito. L’esperto di cyber security JAMEWST ha scoperto una serie di email, destinate a utenti nel nostro paese e in teoria provenienti da Aruba. In teoria è un avviso automatico, legato al mancato pagamento di un ordine per un importo esiguo (5,42 euro). Si chiede, perciò, alla possibile vittima di accedere all’area clienti per completare le operazioni. Questa è una falsa pagina di Banca Sella, in cui è richiesto l’inserimento dell’intestatario della carta, del numero, della data di scadenza e del codice di sicurezza. Infine, c’è il campo per inserire la mail (l’unico non obbligatorio). In realtà è tutto falso, la pagina simula solamente quella dei pagamenti verso il provider. Infatti, è registrata in Russia a nome di un’organizzazione terza.

Il testo della mail-trappola

La falsa pagina per effettuare il pagamento ad Aruba

Back To Top