skip to Main Content

Cybercrime, la campagna Emotet prende di mira l’Italia anche oggi

Il cyber security hunter JAMEWST rileva nuove mail della campagna Emotet contro l’Italia. L’esca del cybercrime sono sempre reali conversazioni via mail rubate. L’allegato punta alla botnet Epoch 1, da cui si scarica il malware

La campagna del cybercrime per diffondere Emotet in Italia prosegue anche oggi. Il cyber security hunter JAMESWT ha rilevato nuove mail, che come al solito usano come esca precedenti e reali conversazioni tramite posta elettronica rubate, per far sì che la potenziale vittima apra l’allegato. Questo è un file .zip, protetto da password (inviata nel testo del messaggio), che al suo interno contiene un documento Word malevolo. Aprendolo, infatti, viene contattata la botnet Epoch 1, une delle tre sfruttate dai criminali cibernetici per veicolare il malware.

Il testo della mail-trappola

Il falso documento Word che contatta la botnet Epoch 1 da cui si scarica il malware

Back To Top